Bonzi Malware? Naaaa..Idiot plays..yep

e vabbe'..lasciate ogni speranza voi che entrate

armatevi di coraggio e sfogliate il blog

computer-immagine-animata-0026

QR Code di questo blog

Generatore di codici QR

Instagram

Instagram

Il mio profilo in Linkedin Carlo Bonzi

Report ShinyStat

Spread in tempo reale..ammazzate se e' schifa

cercami in Linkedin

Veni, Vidi, WC.

In classifica

Riconoscimento

Riconoscimento

Sto rilevando il tuo IP e non dirlo a nessuno.

Sign by Danasoft - For Backgrounds and Layouts

Il post e' scritto in Togolese ma tu prova a cambiare lingua.

E' l'ora della distensione ..leggi il post

Questo e' il mio motore di ricerca, scrivi una parola e clicca sul cerca

sabato 21 aprile 2018

Recupero file Pendrive




Hai di nuovo cancellato dati o foto dalla penna USB o dalla card della macchina foto?Allora sei proprio pirla dai passa su di un programma di recupero dati e ricordati che lo stesso potrebbe farlo chiunque .. a buon intenditor..
Pandora Recovery e' il nome del programma gratuito (sino a 500 MB oltre si passa alla versione PRO a meta' prezzo) che permette di recuperare file cancellati da memory card e pen drive, pero' non pensare che tutti i file possano esser recuperati in quanto se lo spazio di memoria del file che vuoi riprendere e' stato occupato da nuovo file occorre una procedura ben diversa che solo centri specializzati possono cmq fare.
Per la serie tentare non nuoce tanto e' gratisse, installalo e cerca di far rivivere tutti i file che hai cancellato, siano essi documenti di Office, MP3, immagini, archivi, video o qualsiasi altra cosa.
Innanzitutto, collegati al sito Internet di Pandora Recovery e clicca sulla voce Pandora Corp Server per scaricare il programma sul tuo PC.
A scaricamento ultimato apri, facendo doppio click sul file appena scaricato PandoraRecovery.exe e, nella finestra che si apre, clicca prima su OK per confermare l’utilizzo della lingua inglese (l’italiano manco lo cagano) e poi su Next.
Accetta quindi le condizioni di utilizzo del programma, cliccando sul pulsante I Agree, e fai click prima su Next per due volte consecutive e poi su Finish per terminare il processo d’installazione ed avviare Pandora Recovery.

Togli i segni di spunta dalle voci relative all’installazione della Ask Toolbar.

 


Nella finestra che si apre, fai click sul pulsante Next per avviare la procedura guidata per il recupero dei file cancellati da memory card e pen drive.
Metti quindi il segno di spunta accanto alla voce No, I did not find my files per saltare il controllo del cestino, clicca su Next, seleziona la lettera dell’unita' da cui vuoi recuperare i file (es. F:, G:) e fai click su Next.
A questo punto, metti il segno di spunta accanto alla voce Browse e clicca sul pulsante Next per avviare la ricerca dei file cancellati sulla tua memory card o pen drive.

Puoi anche ricercare uno specifico file cancellato in base al suo nome, mettendo il segno di spunta accanto alla voce Search, o avviare una scansione avanzata (occhio che e' molto lenta) che permette di rintracciare piu' file, mettendo il segno di spunta accanto alla voce Deep Scan.
Ti ripeto che i dati cancellati dalla pendrive o dalla card che hai usato sulla tua macchina fotografica, qualsiasi persona li potrebbe far rivivere, quindi se hai scheletri nascosti si come devi comportarti.
Altri programmi di recupero che puoi recuperare in rete..

EaseUS Data Recovery (prova gratuita)

DiskDigger per foto su smartphone vers. Android

Lazesoft Mac Data Recovery se viaggi con Mac

domenica 15 aprile 2018

Facebook ergo sum.


ergosum
In tema di resurrezioni ecco che la lingua morta e’ risorta in Facebook dove e' stata inserita la versione in latino, dando vita cosi' ad un progetto sicuramente non normale all’era dell’uso delle K e degli acronimi (xke’, ki 6, TVB, vfc etc) che gli studenti o ex studenti come il sottocristo non potranno non curiosare (due negazioni mmm..devo chiedere spiegazione a mia sorella) tra una versione e un’altra.
Portare una lingua “morta” sul web non e’ certo semplice, occorre tradurre in parole antiche significati totalmente nuovi. Ed e’ cosi’ che il “poke” diventa “puncti“, l’homepage diventa “domus“, la posta diventa “epistulae“, le notifiche “nuntia“”A cosa stai pensando?” e’ sostituita da “Quid cogitas?”” Natalis” nei compleanni ” Colloquium” al posto di “Chat”., mentre lo “status” rimane tale e quale anche a vari secoli e molte tecnologie di distanza.
Quindi i miei blog sono aggiornati e non per nulla li ho indicizzati con epistolate del tipo “Stultorum infinitus est numerus” o sempre da togotuentinain esiste il “Delenda est” e che dire dell ' “errare humano est, togo29 autem ovest”
Ehmm..
Come impostare Facebook in Latino? (so che non ve ne frega ‘na mazza) ma ve lo esplico egualmente.. ergo..
Ite in una qualsiasi pagina di Facebook dopo esservi spinti in basso a pie’ di pagina e cliccate sul link della lingua impostata (in genere Italiano). Selezionate lingua Latina.

Se poi non vi gusta basta rieffettuare la veloce operazione e reimpostare l’italiano. Saaaalve, ne callidud conantur evolvere, ita et altera post neh.

sabato 14 aprile 2018

Goglogo fate attenzione.



Certo che aver fiducia negli antivirus e' questione di opinione.. Osservate bene la jpg di cui sopra (le scritte in rosso son le mie) e mo vi dico..
Durante una delle mie navigazioni quotidiane mi sono imbattutto nel sito che dovrebbe essere catalogato come “malicious”, ma che invece e' ritenuto sicuro da diversi filtri, fra cui il siteadvisor online di McAfee.
Goglogo.com (non visitatelo) e’ un sito che offre la possibilita' di creare una pagina clone di Google personalizzando il contenuto testuale del logotipo. Molto carino se non fosse per il fatto che ogni pixel della pagina al mouse-over apre un pop-up.
Se siete forniti di un blocco pop-up nel vostro browser allora vedrete comparire la barra di segnalazione con il contatore dei pop-up bloccati che gira come il contapunti di un flipper.
Se invece avete il blocco pop-up disattivato o non ne avete uno il risultato sara' l’apertura a raffica di finestre del browser fino al definitivo crash.
Fate quindi attenzione e diffidate le opinioni dell'antivirus.

mercoledì 11 aprile 2018

W10 Spring Creators.




Al 10 Aprile e' partita l'update col nome in codice Redstoner4 ed e' stata rilasciata dopo la build 17133 in versione RTM per gli utenti iscritti al programma Windows Insider e ben si sa che questa versione precede sempre la versione ufficiale del Big Update Microsoft.
Come tutti gli aggiornamenti di questo tipo, anche Windows 10 Spring Creators Update apportera' delle interessanti novita', prime fra tutte le nuove funzioni Timeline e Sets.
La prima consentira' di poter andare a ritroso nel tempo per ripristinare vecchie sessioni di lavoro ormai chiuse da tempo.
Timeline e' una funzione molto utile, soprattutto quando si lavora con documenti di Microsoft Office, come Word or Excel.
Per quanto riguarda Sets, invece, questa funzione consente di poter raggruppare una serie di applicazioni, diverse fra di loro, in un’unica finestra a piu' schede.
Secondo la tabella di marcia il roll-out ufficiale di W10 Spring Creators Update dovrebbe essere attivo a partire dal tardo pomeriggio di oggi, 10 aprile 2018, insieme all’ultima versione del Media Creation Tool, programma che consente di ripristinare, in caso di problemi, il sistema operativo Windows 10 senza eliminare i dati dell’utente.
Per chi ha avuto problemi di installazione durante gli aggiornamenti riscontrando codici di errori che non indicano la provenienza e sono stati impossibilitati nella comprensione della natura del guasto, mamma Microsoft Microsoft ha quindi deciso di mettere a disposizione della comunita' di professionisti IT un nuovo strumento per verificare il motivo della mancata installazione di un aggiornamento.
Scaricabile
da questa pagina o direttamente cliccando qui, SetupDiag controlla il contenuto del file Setupact.log creato durante il processo di aggiornamento di Windows 10 e ne estrapola automaticamente le informazioni piu' importanti.
In Windows 10 sono presenti diverse istanze del file Setupact.log e ciascuna di esse e' conservata in una diversa locazione di memoria (ad esempio \Windows\panther).che e' il nome in codice del progetto elaborato del team di sviluppo di Windows 10 
 

Il vantaggio di SetupDiag e' che il programma sa individuare i percorsi in cui vengono memorizzati i file di registro della routine di aggiornamento di Windows 10 e provvede ad analizzarli in automatico (o almeno tenta).
Per funzionare, il tool necessita come requisito indispensabile del .NET Framework aggiornato alla versione 4.6. Per verificare la versione installata, si puo' digitare quanto segue al prompt dei comandi e verificare quanto figura accanto alle voci
Version:
reg query "HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Net Framework Setup\NDP\v4" /s
A questo punto, cliccando due volte sul file SetupDiag.exe,l'utilita' analizzera' i file di log e generera' un nuovo file di registro chiamato SetupDiag_X-XXX-XXX.log (ovviamente solo nel caso in cui fosse rilevata qualche anomalia).

Aprendo il contenuto del file di log si dovrebbero leggere i motivi che hanno impedito a Windows 10 di concludere con successo la procedura di installazione del
feature update.

Sui sistemi Windows 10 installati da zero a partire da una chiavetta USB generata con
Media Creation Tool o con Rufus all'interno del file di log di SetupDiag si trovera' il messaggio failed to find a setupact.log in the given search path.
Non spaventatevi in quanto
SetupDiag e' utile solo per controllare cio' che ha impedito la corretta installazione di un aggiornamento di Windows 10. Evidentemente, nel caso delle installazioni di Windows 10 appena eseguite, l'utilita' non sara' in grado di individuare alcun file Setupact.log.Certo e' che ogni mese sti aggiornamenti rompono e soprattutto se siete fuorin sede ed andate a chiavetta vi masticherete qualche giga e ben venga il ricordo di quando potevate evitare scarichi indesiderati e quindi buon viso a cattiva sorte e volendo ci sta sempre Linux no?


 

lunedì 9 aprile 2018

Risparmio energetico.


Ma dimme te, avevamo gia' messo i pantaloni corti e ha ripreso a piovere e persino a nevicare nelle alpi graie (ricordate la frase per la catena alpina Macongranpenalerecagiu') e il Monte Bianco alla faccia dello scioglimento dei ghiacciai e' cresciuto di due metri arrivando cosi' a 4810,90.
Ma il pianeta non si stava surriscaldando?

Qui non si capisce piu' 'na mazza.

Neanche sulla temperatura della Terra riescono a mettersi d'accordo. Pero' continuano a romperci gli sferisteri con 'sta storia del risparmio dell’energia.

Noi abbiamo fatto e facciamo di tutto.

Chiudiamo i rubinetti quando ci laviamo i denti e ci facciamo venire la schiuma alla bocca come i dobermann, le lavatrici girano di notte come i carbonari per la gioia del vicino.

mettiamo le lampadine a basso consumo che quando le accendi per un quarto d’ora ti sembra di stare in una stalla, e chiudiamo il frigo quando ancora abbiamo mezza mano dentro a costo di tranciarcela via per non lasciare il frigo aperto.




abbiamo tolto i copritermi per mettere le valvole termostatiche, abbiamo tolto le tende cucite a mano da ricamatrici a cui sono state mozzate le dita per non farne fare altre uguali riducendo la casa come ricovero bestiame e il bello e' che sentiamo dire che l'unione europea ci ha castigati perche' consumiamo molto e inquiniamo di brutto nonostante la buona volonta' e tecnologia avanzata del mio amico Francesco. Ma vettela a pie' n'tal biip.

Bah.. Forse quelli della disunione europeista non hanno tutti i torti, qualcuno mi deve spiegare, mi deve dare un motivo del perche'nelle citta' si lasciano interi grattacieli di uffici accesi per tutta la notte, scuole ed ospedali con temperature da far arrossire queenslandiani e nessuno dice un belino di niente.

Non c’e' uno che fa una piega.

Torrioni accesi a giorno.

Luminarie da casino' di Las Vagasse.

Con un computer ad ogni scrivania acceso pure quello.

Ma che ci vuole a obbligare gli uffici a spegnere le luci?

E gia' che ci siamo a installare le lampadine a basso consumo?

Ci avete fatto venire due lampadari di Murano cosi', con le «basso consumo leddifere » e poi?

No, perche' io posso anche leggere a letto solo alla luce del lampione che hanno messo in Via Italia per risparmiare energia, ma se poi mi sta completamente acceso il grattacielo di 167,25 metri del Sanpaolo mi sento lievemente preso per il culo.

E i frigoriferi dei supermercati?

Ne vogliamo parlare?

Che fa un freddo che neanche in Alaska lo vedranno mai?

Che se tu passi per il corridoio degli yogurt ti devi mettere il passamontagna e le monbutte e arrivi alla cassa automatica coi baffi pieni di brina?

Non e' spreco di energia anche quello?

E’ il caso di tenere le mozzarelle alla temperatura degli igloo?

Mi chiedo che se compri un etto di burro poi per cucinare devi stirarlo altrimenti ti tocca tagliarlo con la motosega di gnegne?

Ci sono frigoriferi a banco lunghi sessanta metri.

All’altezza dei salami ti comincia a colare il naso, ai latticini hai la punta delle dita blu, davanti alla pasta per le pizze cominci ad avere la broncopleurite, quando arrivi al latte fresco e yogurt hai tutti i sintomi del congelamento e mentre il pisello sbatacchia sui lampioni al suon di bianco natale, ti butti sul girarrosto coi polli che sfrigolano perche' ti sembra di entrare in una baita al caldo.

Ma regolateli 'sti ca..voli di frigo.

Che consumano un lago artificiale di corrente al giorno.

E i led luminosi della tivu che noi dobbiamo spegnere pena la distruzione del pianeta?

Quegli occhietti rossi che ci guardano dalla sala?

Noi li spegniamo, si' si'.

Poi andiamo al Bennet e ci sono 42 televisioni accese che trasmettono tutte lo stesso programma.

Questi non sono sprechi di energia, cari politici europeisti miei?

I ca..voli sono due.

O cercate di risolvere in qualche modo la questione o se no dite.. il risparmio energetico era una delle solite nostre ca..volate, fate pure i belini che volete, usate il laser per tagliare il salmone e lavatevi i denti nella vasca da bagno che tanto a noi proprio non ci frega una pippa di niente e adesso che siamo in aprile avanzato, io attacco il Delchi Ariete 1 e lo sbatto sul 26° e per chi viaggia a furto di calore e vuole risparmiare castigando non do' un consiglio ma posto un suggerimento fotogeipigigrafico..soprattutto se avete un vicino di contatore poco tecnologico che vi sta sulle palle, spostate i fili dal vostro indicato in blu e passateli sul rosso del vicino...tre pateravegloria e via.

giovedì 5 aprile 2018

SECOH-QAD Troyan


Passata la Pasqua son rimasti i postumi e non solo quelli delle ipercalorie ma anche quelli delle virussate informatiche e dal canto mio che viaggio a mani abbassate senza alcun antivirus a volte mi lascio andare nel leggere le cartoline che gli amici mandano e con le cartoline gli hachers vanno a nozze e mo' vi dico.
Il mio notebook ha dato qualche segno di riavvio strano e ho pensato subito ad una ipertemperatura del processore causata da troppi programmi aperti e mi son concentrato sul raffreddamento ma il difetto poi l'ho cuccato controllando il registro di sistema ed ho centrato un file chiamato SECOH-QAD ovverossia un bel Trojan che mi son sparato aprendo le cartoline.
Questo trojan era e dico era perche' l'ho rimosso, la causa del crash di sistema e relativo rallentamento di esecuzione.
I castigatori lo usano per disattivare antivirus ed impiantare altri malware o software rouge senza autorizzazione provocando diversi errori sempre sul sistema, ottenendone i saldi online e i portafogli elettronici, raccogliendo dettagli sensibili come la ricerca di cronologia, query di ricerca, cronologia del carico, indirizzo IP, password di sicurezza, contatti con casa, numero di telefono, informazioni sulle carte di credito per poi la trasmettere verso terze celebrazioni.
Quindi se avete dei crash strani o riavviamenti non desiderati, rallentamenti esecutivi, o vedete troppe pubblicita'.. controllate nel disco col percorso c:\windows\secoh-qad.dll e se vedete il file e' giocoforza delettarlo immediatamente.
Oppure controllate nei programmi se esiste il SECOH-QAD e toglietevelo dai piedi.
Per chi non ha molta dimestichezza il percorso e' questo:

da Windows XP, Vista e 7 Pannello di controllo
  • Dall’angolo in basso a sinistra dello schermo fare clic sul pulsante Start.
  • Selezionare Pannello di controllo e fare clic su aggiungere o rimuovere programmi.
  • Ora selezionare l’applicazione sospetta dall’elenco di applicazione e fare clic sull’opzione di disinstallazione.
  • Alla fine confermare la rimozione se richiesto.
da Windows 8
  • Passare il mouse sul lato sinistro dello schermo e attendere che l’icona appaia.
  • Ora fate clic destro sull’icona per ottenere la lista dei programmi.
  • In questo passaggio è necessario selezionare Pannello di controllo dagli elenchi.
  • Dalla finestra Pannello di controllo, cliccare sul programma di disinstallazione.
  • Disinstallare questa brutta minaccia dall’elenco di applicazione sul PC.
  • Alla fine cliccate su Ok per uniformare il processo di rimozione.
da Windows 10 Control Panel
  • Prima di tutto Fare clic su Start Menu.
  • Vai al menu Impostazioni per vedere tutti i contenuti.
  • Fare clic sulla scheda di sistema da tutti i programmi.
  • Ora scegli Applicazioni e funzioni da scheda Sistema.
  • Selezionare l’applicazione sospetta dall’elenco.
  • Clicca su opzione di disinstallazione per rimuovere SECOH-QAD.exe
Occhio...
Se SECOH-QAD.exe ha contagiato anche il browser, allora e' necessario rimuovere anche le estensioni e add-on dal browser infetto.
Per rimuovere SECOH-QAD.exe da Google Chrome
  • Aprire Chrome e fare clic sul pulsante in alto a sinistra del browser.
  • Clicca su strumento
  • Seleziona Extensions e poi da li' selezionare estensioni indesiderate
  • Alla fine cliccare sul pulsante Rimuovi per rimuovere le estensioni.
  • Riavviare il sistema.
Per rimuovere SECOH-QAD.exe da Internet Explorer
  • Fare clic sul pulsante degli strumenti e selezionare Gestione componenti aggiuntivi.
  • Nelle estensioni di evidenziazione Manage Add-ons e la barra degli strumenti con ‘Add-on Tipi’
  • Ora si assicura tutti i componenti aggiuntivi e' selezionata in ‘spettacolo': menu a discesa e da li' selezionare la barra degli strumenti, che deve essere rimosso.
  • Selezionare l’opzione Disabilita / Elimina.
  • Una finestra pop-up in guardia puo' apparire sul vostro schermo del PC che indica i servizi correlati e su add-on saranno disabilitate.
  • Poi lasciare le voci selezionate e fare clic su OK.
  • Fare clic su Chiudi per chiudere la finestra di add-on e riavviare il sistema.
Per rimuovere SECOH-QAD.exe da Mozilla Firefox
  • avviare Firefox
  • Clic sul menu Strumenti.
  • Dal menu Strumenti e' necessario selezionare Componenti aggiuntivi> Estensioni.
  • Ora non resta che selezionare add-on voci relative al SECOH-QAD.exe
  • Selezionare Rimuovere / Disattiva.
  • Riavviare il sistema.
  •  

sabato 31 marzo 2018

Riservato a Farmacia1


Post esplicativo riservato esclusivamente a FarmaciaUno
Dalla mail che mi avete inviato
Entro in questa pagina

a fondo pagina vedo questo prodotto venduto a 6,69 €.
Eucerin pH5 Crema Rigenerante Idratante Delicata Pelle Sensibile 75 ml viso

clicco sul prodotto ed il link rimanda a questa pagina


il cui costo e' di 12,50 € scontato al15% pari a 10,63€
ed e' questa l'incoerenza che ho riscontrato.
Il prezzo e' 6,69€ o 10.63€ ?
Quindi e' coerente correggere ed allineare uno dei due prezzi indicati sullo stesso prodotto esposto nel prezziario.