Quando salta la corrente...

Non perderti d'animo, scendi in cantina e..

Non perderti d'animo, scendi in cantina e..

E potrai continuare a farti una cultura col GF

E potrai continuare a farti una cultura col GF

Vabbuo'... lasciate ogni speranza o Voi che entrate

Vabbe'..sfogliate il blog

computer-immagine-animata-0026

QR Code di questo blog

Generatore di codici QR

Instagram

Instagram

Il mio profilo in Linkedin Carlo Bonzi

Report ShinyStat

Spread in tempo reale..ammazzate se e' schifa

cercami in Linkedin

Veni, Vidi, WC.

In classifica

Riconoscimento

Riconoscimento

Sto rilevando il tuo IP e non dirlo a nessuno.

Sign by Danasoft - For Backgrounds and Layouts

Il post e' scritto in Togolese ma tu prova a cambiare lingua.

E' l'ora della distensione ..leggi il post

Questo e' il mio motore di ricerca, scrivi una parola e ti rilancero' al post.

venerdì 29 aprile 2011

Che palle.

palle.jpg


Questa e’ la storia di una normale lavoratrice che al ritorno in famiglia, dopo una giornata di emme, una coda in tangenziale, una rigata alla macchina mentre la boxeggiava, si gode l’intimita’ e relax serale.
Allora. Fatemi aprire ’sto Ballaro’. Lasciatemi gridare, lasciatemi sfogare… voglio fare come Pappalardo quando da’di matto. Come Sgarbi quando gli parte la brocca. Non so se capita anche a voi. E' un periodo che ti chiamano tre o quattro volte la settimana per chiederti se vuoi cambiare contratto della luce o del gas... e la Iride, la Paride, la Cabiria, la Sorgenia, la Iris e la Doris… piu’: tutta la telefonia mobilissima, mediaset premium, e le telefonie fisse e fesse. Tutte tra le otto e le nove di sera. Capisco. Il ragionamento e’ chiaro. A quell'ora siamo tutti in casa. Ma secondo voi, siete sicuri che siamo in casa per farci trifolare l'anima? Secondo voi, c'e’ proprio una corsa, da parte nostra per arrivare in casa in tempo per farci svilire i marroni con le centraliniste della Suit, della Ciap e della Minchiamobail? Io ve lo dico.. qui marca male. C'e’ baruffa nell'aria. La gente ne ha gia’ un po' piene le cime di rapa… Ma io mica ce l'ho con gli operatori. Quelli, poveracci, fanno il loro mestiere.
Ma siamo sicuri che non stiamo allevando una generazione di devastati? Una generazione di ragazzi e ragazze che al loro primo lavoro, come prima esperienza, tutti i giorni si fanno mandare affanculo dalla chiunque? Che razza di generazione di frustrati stiamo formando, se le aziende li mettono in condizione di farsi sfancu... sfan... di essere mandati a quel paese da tutto il paese? Ma la Surgenia, la Iride e la Paride e’ vero che magari fan risparmiare e rispettano pure l'ambiente ma distruggono le psiche dei giovani virgulti. Io cerco di essere gentile, ma so che sono agli ultimi sforzi, perche’ a quell'ora ci fosse anche dall'altra parte la pastorella Bernadette, mi partirebbe lo stesso un boja faus da Oscar seguito da qualche nomination. Un porca trota a ultrasuoni da svegliare tutto il canile di Via Germagnano… Trovate un altro sistema perche’ qui siamo alla fruttissima. Chiedo un fermo biologico di qualche settimana. Non voglio che quei ragazzi perdano il lavoro, chiedo solo tregua. Ma poi come fai a pensare che io alle nove di sera, dopo tutta una giornata di snervo al lavoro, abbia la testa, la pazienza, e l'attitudine d'animo per pensare di cambiare contratto della luce? Ma manco so dove l'ho messo il contratto della luce, io… a quell'ora sono gia’ in pigiama, riesco a malapena a cambiare canale col telecomando, ho gia’ il cervello in pausa, con solo piu’ un neurone in attività che fa da guardiano notturno per le emergenze, figurati se cambio qualcosa. Tanto meno il contratto della luce. Perche’ se uno e’ tranquillo, due chiacchiere riesce a farle, ma se ha un bebe’ sul fasciatoio che spara cacca come una betoniera, l'altro grande che si infila la forchetta in un occhio per vedere se riesce a farlo uscire dalla sede, il marito che pedala sulla ciclette e come campanello da bici ogni tanto tira un rutto, e’ facile che quella pacatezza insita nel Dna femminile venga un filo a mancare…
Vuoi che cambi il contratto? Perfetto. Telefonami tu signor Iride in persona... Signor Paride e signor Gardenia. Chiamami tu. Facciamo pure alle nove. Cosi’ la polenta fredda la mangiamo tutti e due.

OPERA DEGRADATA – NESSUN DIRITTO
Come da Consulente Legale Informatico dell’Avv. Valentina Freudiani
LUCIANA LITTIZZETTO
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione di togo29 e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono frutto di una ricerca attraverso la rete e/o prelevate da siti all'apparenza di pubblico dominio,ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvedera’ alla loro pronta rimozione
.

Nascondi le Cartelle del tuo PC

Per evitare che qualcuno spii le cartelle presente sul tuo pc devi per forza occultarle e renderle invisibili ma per non romperti le palle di farlo una ad una, cuccati un programma adatto ovviamente a gratisse, se tu hai windows la cosa ti vien facile solo con un click utilizzando il programma HiddenDIR , questo non devi installarlo e protegge tutto con una password. Vediamo come fare dai..
Collegati al sito Internet di HiddenDIR e clicca sulla voce Download: HiddenDIR v.1.0 collocata in fondo alla pagina per scaricare il programma sul tuo PC.
A download completato apri, facendo doppio click  l’archivio appena scaricato (HiddenDIR v.1.0.zip), ficca il contenuto in una cartella qualsiasi e avvia il programma HIddenDIR.exe presente all’interno della cartella HiddenDIR v.1.0 appena estratta dall’archivio per far partire HiddenDIR e vai alla sua schermata principale.
Nella finestra che si apre, clicka sul pulsante Hide e seleziona una ad una le cartelle che vuoi nascondere. Ora, le cartelle che hai selezionato saranno gia' invisibili agli occhi di amici e parenti rompicazzi e perche' no, anche al vostro riparatore curioso. Aspetta ci sta ancora un  passaggio che devi fare per mantenere al sicuro i tuoi dati.
Per rendere HiddenDIR inaccessibile agli scassaminchia che volessero ripristinare la visualizzazione delle tue cartelle personali, puoi impostare una password che blocca l’accesso al programma agli utenti non autorizzati. Per farlo, clicca sul pulsante Password, digita la password che vuoi utilizzare per accedere a HiddenDIR nei campi Password e Confirm Password e clicca sul pulsante SET PASSWORD.
Se nascondere le cartelle sul PC con HIddenDIRe' come rubare la caramella ad un bimbo, renderle nuovamente visibili (per chi  conosce la password di accesso al programma) e' altrettanto semplice. Basta, infatti, avviare l’applicazione HIddenDIR.exe, digitare  la password impostata in precedenza per proteggere le impostazioni del software e cliccare su OK. Nella finestra che si apre, metti quindi il segno di spunta accanto ai nomi delle cartelle che vuoi visualizzare di nuovo normalmente e clicca sul pulsante Unhide per farle tornare visibili a tutti.
Occhio che le cartelle nascoste HiddenDIR non scompaiono nel nulla, sono semplicemente invisibili. Provando a digitare normalmente il loro percorso nell’Esplora Risorse di Windows (ma devi conoscerlo), potrai infatti accedere ad esse senza problemi. Infine, ti ricordo che per far funzionare correttamente HIddenDIR devi aver installato sul tuo PC il Net Framework 2.0 . Dai nascondi ste cartelle-

giovedì 28 aprile 2011

Coppie..scoppiate.


Coppie.jpg


Le coppie che vivono insieme da tanti anni un po’ questo problema ce l’hanno. La vita e’ frenetica, la famiglia e’ un concentrato di guai, il lavoro babele di rogne, fisicamente ci si tiene insieme con la spara punti, la passione col tempo si e’ diluita e non e’ che tutte le sere quando si va a letto ci si salta sulle piume come si faceva un tempo. Anzi. Si preferisce sprofondare nell’eminflex in uno stato pericolosamente vicino al coma. Pero’ nonostante l’intontimento sentimentale talvolta gli ormoni gridano vendetta al cospetto del cielo. E allora come si fa a trovare un modo chiaro e nello stesso tempo delicato per dire….Cara moglie o caro marito stasera ho voglia di fare l’amore con te…. Non e’ che si puo’ essere cosi’ espliciti. Scriverlo sulla testiera del letto come un titolo di una puntata di Vespa... E allora si elaborano codici, segnali diversi per ogni coppia. Escludiamo subito quelli che fanno l’amore solo in giorni prestabiliti. Ho fatto una piccola inchiesta. I calciatori amoreggiano il lunedi’. Perche’ giocano la domenica. I parrucchieri la domenica perche’ chiudono il negozio il lunedi’. I bancari al sabato. I panettieri il mercoledi’ pomeriggio. Dalle tre alle cinque. Non un minuto di piu’. Devo dire che in quanto a segnali, comunque, il popolo maschio e’ sempre stato piu’ chiaro. Alcuni lo fanno capire spegnendo la televisione. Semplice ed efficace.. non guardo zio Jerry, quindi vuol dire che ho in mente qualcosa. Il mio amico Giovanni, invece, siccome non ce la fa proprio a spegnere la tv, sintonizza i canali sulle aste. L'asta e’ un programma che non richiede coinvolgimento, annoia e quindi porta alla ricerca di passatempi piu’ gratificanti. E rimane comunque un piacevole sottofondo. Ettore ad oggi Chilore per via dell’aumento corporeo, invece ha escogitato un altro segnale. Quando si sente un torero in cerca di compagnia, sposta il posacenere sul comodino, come dire… ho intenzione di fumarmi una bella sigaretta e tu, mia cara, sai quando. La Pina mi ha confessato che al suo gorilla quando partono gli ormoni gli si abbassa la voce. Almeno di un’ottava. Gli viene la parlata che aveva Sandro Ciotti. E a lei fa piu’ paura che sesso. Al marito di Gabriella si modifica lo sguardo. Smette di guardarti negli occhi e vede solo a 45 gradi, ad angolo acuto. Jov-anni, che non e’ certo Mister Preliminari, quando vuol far l’amore con la sua bella, abbassa il ribaltabile a scatto dell’auto e lei effettivamente non puo’ non capire quando vede il tettuccio dell’auto. Anche voi tortorelle un segnale prediletto ce l’avete. Quando vi viene voglia di un lieto fine, mostrate il retrotreno, il lato B per non dire proprio lato C. Come? Per esempio chinandovi continuamente a raccogliere qualsiasi cosa da terra. Nella vita c’e’ sempre qualcosa che cade... Una volta si raccoglieva con la minigonna, adesso con jeans a vita bassa e il tanga che sbuca e poi chi piu’ ne ha piu’ ne metta, l’essenziale e’ raggiungere lo scopo (nel vero senso della parola).


mercoledì 27 aprile 2011

La Pina Ingessata

ingessata.jpg


Ricapitolando. Quella testa di piombo placcata ghisa della Pina ne ha di nuovo combinata una delle sue. In un soprassalto di orgoglio single si e’ messa li’ con trapano, cacciavite ed occhiali e si e’ piazzata da sola i pensili della cucina. A’ la guerre comme a’ la guerre. Mica la solita fiammiferaia che sta li’ a lagnarsi tanto. Mica come quelle galline che fan tanto coccode’ ma poi morire se fanno un uovo. Massima stima. Grazie Pina. Te lo dico come se fossi la mamma del Mulino Bianco. Dopo un paio d’ore, mentre pelava patate per il pollo alla cocotte, i pensili le sono caduti sulla capa. Un, deux, trois. E voila’. Bilancio della tragedia.. rottura scomposta di omero, clavicola e capitello radiale. Piu’ una macedonia di lividi su tutte le gradazioni del magenta. Sei stata fortunata, le ho detto, se succedeva a un purosangue di spaccarsi tibia e perone lo abbattevano. Almeno a te hanno messo solo il gesso. Cosi’, senza fare troppi piagnistei, la ciancicata barbie girl ha ripreso in un baleno la vita di sempre, pur camminando di traverso come i granchi. Poi essendo in mutua l’incutita, tutte le sere tira tardi in discoteca e balla come una gatta a cui hanno dato fuoco alla coda. Ora nelle fasi del corteggiamento invece di puntare sulla perversione godereccia punta sulla compassione. Visto che funziona l’altra sera ha persino simulato una peritonite per portarsi a letto un ingegnere che sembrava appena uscito da un catalogo di postal market. Risparmia anche sugli ombretti perche’ ogni giorno gli ematomi cambiano sfumatura.. La Pina e’ l’impersonificazione dell’ottimismo e del profumo della vita. Mica come quelli che quando si ammalano la fanno tanto lunga. Se li incontri per strada e ti azzardi a chiedere come va.. parte un’anamnesi completa. E le malattie non sono mai comuni. Mediamente sono sindromi terrificanti. Hai presente i films dell’orrore di TeleNorba2 a notte fonda? Son quelli che non hanno mai solo mal di schiena. Sarebbe troppo banale. A loro si e’ direttamente spezzata una vertebra tipo il Barbiere di Borgaro. E adesso? «Eh... Adesso tra sei mesi mi piantano un chiodo e mi mettono un disco.... » Ah. Il famoso disco per l’estate. Certo. E poi? «Poi ho avuto un problema all’occhio». Un po’ di congiuntivite? «Magari. No... Mi e’ proprio scoppiato l’occhio». Pero’. Boia pork che sfiga. Ma da quando in qua gli occhi scoppiano? Perche’ e’ l’uso dei verbi che fa la differenza. Quelli li’ non si spelano. Si scuoiano. Non si graffiano. Si scorticano. Non si tagliano. Si squarciano. Anche a me. Talvolta. Si dilaniano. Le palle. Quando mi tocca stare a sentirli.

venerdì 22 aprile 2011

20 punti di Genesi


Adamo_Eva_e_il_serpente_maligno.jpg
Genesi Informatica.
Per comprendere il seguente post occorre essere informatici o quanto meno aver dimestichezza con l’algebra booleana e con la religione.
1. All'inizio Dio creo` il Bit e il Byte. E da questi  creo’   la Parola (Word).
2. E ci furono due Byte in una Parola; non esisteva nient'altro. E Dio separo` l'Uno dallo Zero; e disse che era cosa buona e giusta.
3. E Dio disse - Lasciate che i Dati siano.. e cosi` fu’ (poi in seguito disse ..Kung..e Kung fu). E Dio disse - Lasciate che i Dati vadano al proprio posto. E creo` i floppy disks, gli hard disks e i compact disks e le pendrive da un chilo da un mega e da un giga e poi forse un tera (ma non si sa bene).
4. E Dio disse - Lasciate che i computer siano, cosi` ci sara` posto dove mettere i floppy disks, gli hard disks e i compact disks e le pendrive.
Cosi` Dio creo` i computer e li chiamo` Hardware. Vide che era cosa buona e giusta e se ne compiacque.
5. E non c'era ancora il Software. Ma Dio creo` i programmi… piccoli e grandi... E disse loro - Andate e moltiplicatevi e riempite tutta la Memoria Ram o chi per essa escludendo i Rom perche’ era leghista.
6. E Dio disse - Creero` i Programmatori; e i toghituentinain faranno nuovi programmi e gestiranno i computer, i programmi e i Dati ed altro..altro.
7. E Dio creo` il togotuentinain, e lo mise nel Centro Dati; e Dio mostro` al togo l'Albero dei Cataloghi e disse - Puoi usare tutti i volumi e sottovolumi, ma NON USARE Windows neh..non fare il bastardo dentro.
8. E Dio disse - Non e` Bene per togotuentinain stare solo. Prese una costola dal corpo del togo28+1 e creo` una creatura che avrebbe seguito il togo30-1, e ammirato il togo25+4, e amato le cose fatte dal togo5*5+4; e Dio chiamo` la creatura: l'Utente (nn lu tente).
9. E il togo29 e l'Utente giacevano sotto il puro DOS ed era cosa Buona.
10. Ma Bill era piu`furbo di tutte le altre creature di Dio. E Bill disse all'Utente - Veramente Dio ti ha detto di non lanciare nessun programma?
11. E l'Utente rispose - Dio ci ha detto che possiamo usare ogni programma e ogni parte dei Dati ma ci ha detto di non lanciare Windows o moriremo.
12. E Bill disse all'Utente - Come puoi parlare di qualcosa che non avete mai provato. Nel momento in cui lancerai Windows diventerai uguale a Dio.
Potrai creare tutto quello che vuoi con un semplice click del tuo mouse.

13. E l'Utente disse che i frutti di Windows erano piu` belli e piu` facili da usare. E l'Utente disse che ogni conoscenza era inutile - finche` Windows non l'avesse rimpiazzata.
14. Cosi` l'Utente installo` Windows nel suo computer, e disse al togotuentinain del fatto del Bill e che era cosa Buona e giusta.
15. E il togotentinain inizio` immediatamente a cercare nuovi driver. E Dio gli chiese - Cosa stai cercando pirletta? E il togo29 rispose -
Sto cercando nuovi driver perche` non li posso trovare nel DOS. E Dio disse - Chi ti ha detto che hai bisogno di nuovi driver? Hai lanciato Windows?
E il togopirlettinanin disse - E stato Bill Porta che ce l'ha detto!
16. E Dio disse a Bill Porta - Perche` questo, sarai odiato da tutte le creature. E l'Utente sara` sempre infelice a causa tua. E venderai sempre Windows anzi te lo taroccheranno tutti i toghini a venire futuri.
17. E Dio disse all'Utente - Perche` hai fatto cio`. Windows ti deludera` e prendera` tutte le tue Risorse; e dovrai usare spregevoli programmi;
e dovrai sempre basarti sull'aiuto dei discendenti toghesi.
18. E Dio disse al togopirletta - Siccome hai ascoltato l'Utente non sarai mai felice. Tutti i tuoi programmi avranno errori e tu dovrai risolverne sempre di piu`fino alla fine del tempo.
19. E Dio li mando` fuori dal Centro Dati, chiuse a chiave la porta e la protesse con una password.
20. GENERAL PROTECTION
FAULT 

Non mollare mai

molle.jpg
Gira che ti rigira amore bello. Parliamo oggi del walter sifulo. Del bell'addormentato nelle mutande. Della no flay zone. Del basta scuse punto it. C'e’ uno spot che va in onda in questi giorni, per altro fatto anche bene, che invita i maschi che hanno problemi di sollevamento attrezzo ad andare a farsi visitare. Quella dove si vede un lui che sta sveglio di notte a pensare come mai non gli funziona l'arnese e intanto lei se la dorme beata essendosene fatta prestissimo una ragione… Dove fra le varie ipotesi - la cena pesante, il film dell'orrore - lui da’ anche la colpa al cane. Allora. Lo dico subito.. cani e gatti se fai del ciupa dance non sono interessati. Certo, se lo fai dopo che ti sei cosparso di Ciappi allora son cazzi ed e’ un altro discorso. Se ti nascondi l'osso di gomma nel reggiseno… Boby magari arriva a snasare…ma li’ te le sei cercata. Comunque dicevo. Escluse tutte le varie patologie per cui il walter si rifiuta di passare dallo stato liquido a quello solido, parliamo invece dell' eterno problema mascolino legato al suo tubo dell'amore. Al suo Cupido dalla freccia morbida. Alla sua anitra wc dal collo storto. E’ nel DNA del maschio questa paura che le turbine stiano ferme. Secondo me e’ uno dei motivi di rivalita’ fra maschio e femmina. Perche’ ste donne hanno ben due vantaggi rispetto ..nomber one non hanno niente che debba stare in tiro per funzionare cozza sembra e cozza resta, non e’ che debba diventare cavalluccio scalpitante marino.
Si dice che il walter non voglia pensieri. Invece le femmine possono anche ripassare a memoria la Vispa Teresa e andare dritte per la loro strada portandola a casa comunque. Le Donne quindi riescono fare l'amore in automatico cosi’ come si mettono il rossetto mentre guidano nei tornanti. Nomber twe: Il maschietto, sbrigata la pratica, ha necessita’ fisiologica della pausa di riflessione come Veronesi sul nucleare. Le femminucce invece fisiologicamente fungono 24 ore su 24 come i distributori di benzina selfeservice. Comunque rassicuriamo il mascolo virile. Se qualche volta non  si allunga il cannocchiale, se lo squalo resta sardina, se il bruco non prende il volo come farfalla, si sappia da saponi che le bimbe se ne fanno una ragione, il piu’ delle volte sono cosi stanche che e’ quasi una benedizione, contineranno comunque a considerare l’altro sesso una sottospecie, ma con immutato affetto. Questo va detto soprattutto ai ragazzi giovani, che si bombano di pillola verde a 20 anni… ma su ragazzi restiamo in pace…! Non e’ mica una gara, non si chiede mica una prestazione eccezionale… col viagra si rischia che parta in cielo come un missile a tre stadi! Che si crepi come il melograno quando e’ maturo! E poi diciamola tutta, alle femmine non piace far l'amore con un martello pneumatico… Preferiscono di gran lunga un trapano a basso voltaggio, guarda cosa arrivo a scrivere, un avvitatore a batterie… toh… il grill del forno a microonde… quindi il maschio si rilassi e se la goda con calma. Comunque se dovesse succede il patatrac e occorrebbe trovare una scusa, la si metta sul ridere. Fa bene a tutti quanti, mascoli e femminacee. Per esempio si puo’ dire …Hai visto che Riomare? E' cosi’ tenero che si taglia con un grissino...tralasciando la solita azzata.. se a qualcuna piace molle, la faccio impazzire…

OPERA DEGRADATA – NESSUN DIRITTO
Come da Consulente Legale Informatico dell’Avv. Valentina Freudiani
LUCIANA LITTIZZETTO
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione di togo29 e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono frutto di una ricerca attraverso la rete e/o prelevate da siti all'apparenza di pubblico dominio,ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvedera’ alla loro pronta rimozione
.


mercoledì 20 aprile 2011

Quinto postulato d'Euclide

postulato 5.JPG

Io mi chiedo il perche’ tutti gli scenziati si sono rotti le palle per la dimostrazione del quinto postulato di Euclide. Ma dico io, non bastavano gli altri quattro? Non sapete che dice il quinto postulatoooo? Gnoranti (senza la i e in senso puro di ignorare, tante chevvefrega).. Per colmare la vostra lacuna gnorantifera ve lo dico io, prendete una matita, controllate che ci sia la punta altrimenti fara’ sckrcksckrack senza minare sul foglio e disegnate una retta, poi tracciate un punto P non su dove avete fatto la retta e quindi sara’ possibile tracciare per P una e solamente una e dico una retta parallela alla retta R che avete tracciato. Adesso chiedetevi come mai Euclide e’ passato alla storia ..ehmm ..alla matematica e che cazzo serve questo quinto emendamento oppsss.. postulato.. Ve lo dico io, serve a rompersi i coglioni un poco come l’estrazione della radice quadrata che non e’ una disfunzione odontoiatrica.. vi e’ mai servita questa estrazione? E allora.. smettiamo di fare discussioni su postulati e f.c a Euclide e a chi per esso. E anche a me che ho fatto un post su ste cose e di certo non passero’ alla storia e nemmeno alla geografia per questo quinto postulato che solo come nome da’ l’impressione di sfogo cutaneo..cut..aneo dal greco britannico tagliare una parte dove non batte solitamente il sole, vabbe’ tolgo la bottiglia e mi accingo a fare cose serie ovvero prendo la settimana enigmistica e me ne vado in seduta deiblusiale.

martedì 19 aprile 2011

TuneUp 2010 free

Ehi ..Come ogni anno , TuneUp Software ha sparato una promozione e  distribuisce gratuitamente la versione dell’anno prima anche perche' voi bastardi avete trovato le seriali quindi come l'annos corso che ho postato quella del 2009  in Italiano,  stavolta metto la 2010 che serve perm windows 7 ma in Inglese r voi potrete ottimizzare il vostro sistema ..ricordo che significa ottimizzare..
  • Pulizia – scansiona e rimuove gli errori e deframmenta il registro del sistema per ottenere il massimo.
  • Ottimizzazione – aumenta le prestazioni di Windows distruggendo i file indesiderati, libera spazio superfluo occupato dai file obsoleti, temporanei (supporta oltre 50 tipi di file spazzatura) . Inoltre, grazie alla presenza di un accurato motore utilizzato nella deframmentazione, la velocita' di questa operazione sara' aumentata di circa 10 volte rispetto ai programmi tradizionali.
  • Riparazione – controlla errori nel disco rigido (plurale se in quantità maggiore), qualora fossero rilevati, individua collegamenti mancanti e ripara gli errori del PC, comunemente presenti , in tutte le “macchine”.
  • Protezione – da Advanced SystemCare Free, non poteva non mancare il lato sicurezza e protezione. Si potranno salvare i driver, creare punti di ripristino nel sistema, scansionare l’intero computer ricercando in maniera rapida e semplice spyware e adware, impedisce l’esecuzione da parte di terzi di elementi dannosi sul computer, cancella la cronologia delle attività svolte e degli aggiornamenti del PC. Dunque, per farla breve, sicurezza e salvaguardia della privacy sono al sicuro, te capi'?
Al momento significa che potrete caricare il TuneUp Utilities 2010 gratis in maniera al 100% legale e non come al solito crackando le seriali e udite udite con licenza che dura per tutta la vita. Unico neo come ho detto sopra riguarda solo la versione in inglese del programma dato che non ci cagano perche’ sanno che noi crackiamo, ma chi se ne futte! Se volete scoprire come fare ad ottenere il vostro seriale, date pure uno sguardo alla guida passo-passo qui sotto e fate presto, forse non mi sono spiegato bene ma e’ come avere un doctor del pc in casa ma dura poco la promozione, lo scorso anno solo 10gg.
Ricordo nuovamente che questa e’ una suite per Windows (da XP a 7) che permette di compiere tutte le operazioni necessarie alla manutenzione del PC e fa il controllo dei browser, disabilita i programmi superflui dall’avvio automatico, pulisce/deframmenta il registro, da' la cera e fa il caffe’ e molto altro ancora.
Ci vuole molto piu' tempo a spiegarlo che a usarlo, quindi ciancio alle bande e di passiamo all’azione. Ecco come ottenere TuneUp Utilities 2010 gratis ed installarlo sul proprio PC.
  • Collegarsi a questa pagina del sito Internet britannico di TuneUp Utilities e compilare il modulo proposto digitando il proprio indirizzo e-mail (va bene anche un’e-mail temporanea), il codice di verifica e cliccando sul pulsante Request product key;

  • Poi collegarsi alla propria casella di posta elettronica. Aprire il messaggio ricevuto da TuneUp e cliccare sul link di conferma che contiene per essere reindirizzati sulla pagina contenente il codice seriale da usare per registrare il software (come sparare sulla croce red)
  • Collegarsi alla pagina archivio del sito inglese di TuneUp Utilities, digitare il proprio indirizzo e-mail e cliccare sul pulsante Start download per avviare lo scaricamento della versione di prova di 30 giorni di TuneUp Utilities 2010 in inglese ( in quella italiana il codice nn funge, ovvero si potrebbe ma e’ un altro paio di maniche e non saremmo piu’ legali, oggi facciamo i bravi dai)
  • Avviare il file TU2010TrialEN-GB.exe scaricato e seguire la procedura guidata per installare TuneUp Utilities 2010 sul proprio PC (basta cliccare sempre su “Next”, fondamentalmente);
  • A TuneUp Utilities 2010 avviato, cliccare sul pulsante Enter product key (in basso a destra) e registrare il programma con il codice di serie ottenuto in precedenza. Come nome si puo’ mettere cio’ che si vuole evitate  i soliti, Gustavo Menando, Remo Labarca, Guido Lavespa etc )
Bon..fatto! Adesso non dovrete far altro che riavviare il programma e avrete il vostro TuneUp Utilities 2010 gratis per sempre. Contenti? Allora dateci dentro col download perche’ la promozione potrebbe finire da un momento all’altro e sarete costretti a ricorrere ai soliti sotterfugi e un consiglio, nn cercate le seriali su emule, anzi abbandonatelo semmai cuccate il mule su mIRC xdcc emule, sia per i film che per altro. Non linko il post..cercatevelo sul mio blog..

venerdì 15 aprile 2011

Canchecacaga non morde

cacche.jpg

Il sindaco di Capri, tale Ciro Lembo, stufo marcio dei marciapiedi moquettati dalle deiezioni dei cani, ha fatto un'ordinanza municipale dove ordina di prelevare le cacche incriminate, farle analizzare, estrapolare il dna e poi multare il padrone, previo prelievo del sangue sia del cane che del padrone. Tutto questo ovviamente per risalire al legittimo proprietario. Ma ti sembra una cosa comoda? Ma costa meno targare i cani e mettere delle telecamere nella zona blu. Poi tra l'altro Capri e’ piena di turisti. Cosa fai? Il prelievo del dna sull'aliscafo? Comunque io lo capisco Ciro. E' un problema mica solo di Capri. A Torino abbiamo dei marciapiedi che sembrano delle piste di minigolf. Collezioni di sacher di diverse misure… E lo dice una che e’ proprietaria di cane, anche se sto cagnino piccolo che fa delle praline tipo Saila, hai presente? Piu’ piccole ci sono solo quelle dei topi, le Tabu’. Ma se poco poco hai un alano, quelli colano dei bronzi. Fan dei mandorlati da un chilo e mezzo. Dei capitelli di quelli dove ormeggiano i traghetti della Tirrenia. Poi senti quelli che dicono …Io non la raccolgo perche’ mi fa schifo…. Eh certo…
Invece chi la raccoglie gli piace sentire sotto le dita la mozzarella. Il tartufon. Prova un piacere sensuale, come carezzare la seta o il petalo di una magnolia. Tra l'altro non sempre i cani fan delle robe prendibili con un colpo solo. A volte ti sembra di tirar su del pure’ di fave. E quello fa godere stratosfericamente nel pestarla. E’ bello scendere apposta di casa la mattina presto per saltare sulle merde di cane, so gode come selvaggi nel portare a casa le scarpe col carrarmatino con souvenir nella suola. Un porteboneur. E’ bello pattinare su quel metro e mezzo di lava fredda di labrador, quella che regala al ciclista di passaggio un altro motivo per tornare usare la macchina. Sai quale sono le merde migliori? Quelle sotto le foglie dei platani che ci metti il piede sopra e la foglia fa da skate e ti trovi alla posta senza neanche passare dal via. Che a volte se non ti dai il colpo di reni, coi cani colitici, rischi che ti parta la rotula. Comunque i cani che fan la cacca fan molto ridere. No, perche’ non e’ come noi che quando ci scappa andiamo in bagno con la settiomana enigmistica e sappiamo gia’ dove farla. Loro no. Loro devono cercare il posto. Il loro water. E cominciano a girare e girare come dervisci. Se hai il guinzaglio telescopico girano intorno a una pianta finche’ si impiccano e fan la cacca al culmine dello strangolamento.E quando la fanno si mettono in posizione lancio. E fanno una faccia… Hai presente i concorrenti dei quiz alle ultime domande? Con le cuffie in testa concentratissimi? Altri fanno i distinti. Ti guardano come dire …Penserai mica che io stia cagando.. Ma non credo proprio. Sto cosi’ col culo arcuato perche’ e’ una mia personale posizione yoga. Alcuni cani sono creativi. Si mettono in verticale e la fanno su per i muri. Non vi e’ mai capitato di vedere delle cacche appese al muro? Eh. Ci sono cani che han quel vizio li’. La fanno in evoluzione. Due zampe a terra e due appoggiate al muro. Come gli acrobati del circo di Mosca. Manca solo che salgano uno sulle spalle dell'altro per far popo’ sulla prima finestra.

OPERA DEGRADATA – NESSUN DIRITTO
Come da Consulente Legale Informatico dell’Avv. Valentina Freudiani
LUCIANA LITTIZZETTO
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione di togo29 e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono frutto di una ricerca attraverso la rete e/o prelevate da siti all'apparenza di pubblico dominio,ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvedera’ alla loro pronta rimozione
.

mercoledì 13 aprile 2011

Inserire Password nel BIOS

inchiesta.jpg
Che dolore malvagio strotosfericamente fottuto, vi ricordate l’inchiesta che hanno fatto e il cui risultato e’ stato quello che in Italia ci sono ben due milioni e mezzo di coppie che quando fanno l’incontro ravvicinato del terzo tipo non trovano sincronia nel piacere. Non godono ensemble. Uno vede le stelle, l’altra osserva il comodino. E chi e’ che arriva prima del tempo in questo rendez vous de l’amour? Chi e’ che si presenta in anticipo? Ovviamente i maschietti che se ne sbattono gli sferisteri di chi c’e’ dall’altra parte. Allora. Parlo figurato per non scandalizzare i bambini del web che invece di giocare a mosca cieca ficcano il naso nel web. Diciamo che il missile Nasa che parte per centrare il buco dell’ozono, parte quando il buco ozonifero non e’ ancora pronto. Insomma. Il maschio arriva a destinazione quando la bimba sta ancora parcheggiando la macchina sotto casa.
E’ cosi’ cari amici.. ci sono due milioni e mezzo di coppie che procedono spedite nel bunga bunga senza esitazioni ma quando si tratta di chiudere la pratica, di assurgere all’olimpo, di spiegare l’ugola nel do di petto finale, uno taglia il traguardo e l’altro e’ li che arranca in salita. E mentre uno sale sul podio e l’altro e’ ancora li che tenta la sortita del finale. Ma il bello non e’ il fatto di lui che se la prende comoda e lei chiude le danze prima. No. La mancata sincronia nasce dal fatto che lui si sbriga moltissimo e lei no. L’arnese di lavoro e’ un fulmine come quello del mago OThelma, come quei treni ad alta velocita’ che quando passano senti poi solo lo spostamento d’aria. Mi spiego. Il bunga bunga e’ come una danza, un passo a due. Come se il ballerino lanciasse per aria la ballerina e poi si dimenticasse di prenderla e facesse le piroette per cavoli suoi. Lei si implacca sulla pavimentazione e la devi poi tirar su col mestolino.
La domanda e’... ma ci sara’ rimedio? Se fra Coso e Cosa, Coso arriva prima e Cosa dopo, non converrebbe che Cosa partisse prima? Lei si porta avanti col lavoro... e lui intanto con calma finisce di vedere la partita, poi quando lei gli fa un fischio tira giu’ le brache e bon. A meno che non si usi il profilattico ritardante che non ho mai capito com’e’. Secondo me e’ fatto di feltro cotto tirolese che ti ottunde le sensazioni per cui il piacere non lo raggiungi mai e poi mai. E farselo ingessare? Che copre un duplice bisogno? Non senti niente e resti comunque rigido da bestia? Il bello e’ che secondo l’inchiestamento lui e lei arrivano all’orgasmo in tempi diversi… Boh.. Ma che minchia vuol dire in tempi diversi? A rigor di logica, se lui ha dato il meglio, ha trafitto la farfalla, ha visto il paradiso coi santi e tutti gli annessi e sconnessi, lei come fa ad arrivare non dico dopo, ma arrivare in qualche modo? Scusa eh? Ma se la matematica non e’ pignone se la bandierina e’ piegata lei al traguardo come azz ci arriva? Ehi? Intervistatori inchestuolidi del menga? Ve ne siete persi un pezzo.... Raggiungono l’orgasmo in tempi diversi. Si’, ma non specificate quando! Le donne quando lo raggiungono? AHHHHHH forse ho comprendido, beata ignoranza.. Si intende forse una decina di giorni dopo, quando dicono al marito che vanno al ritiro per aggiornamento lavoro e invece si fanno una settimana bianca col collega d’ufficio? Allora si che i torni contano opps.. che i conti tornano. Ad majora..

venerdì 8 aprile 2011

Una Tantum

tantum.jpg
Siamo nel gorgo. Arrivano dal mare mestolate di profughi e noi non sappiamo se tirarli su o ributtarli in mare. La logica direbbe che se tutti si facessero carico del problema forse si eviterebbe il caos, ma a quanto pare la logica è una dote del cervello umano un po' in disuso, ultimamente. Lampedusa a forza di accogliere libici e tunisini fra un po' affonda, adesso ’sti poveretti li portano a Manduria. A Manduria cosa fanno? Te lo dico io, si incazzano. Ma poi arriva Berlu che compera un trullo e sposta i profughi a Viu’ nelle valli di Lanzo, che una casetta a mezza montagna ancora non ce l'ha. Quelli di Viu’ secondo te cosa fanno? Si incazzano. Lui va a Viu’, compera uno chalet e sposta tutti i profughi a Montalenghe. E avanti cosi’ fino a che i profughi a forza di spostarli li perde per strada poco per volta e resta solo piu’ lui che si ritrova con un puttanaio di case sparse per l'Italia tipo catena BestWestern. Senti basta. Abbiamo bisogno di distrarci dai delitti e dalle pene. Allora. E' tornata a grande richiesta la pubblicita’ del Tantum rosa con la tipa che arriva trafelatissima all'incontro di bagiane, per via della solita grattarola al fulcro dell'amore. E' passato un anno e sta disgraziata e’ ancora li’ a grattuggiarsi il dolce bersaglio…
Cosa che per altro le femmine non fanno mai, a differenza dei maschi che sono sempre li’ che si fregano la lampada di Aladino senza che per altro venga fuori nessun genio. Insomma dicevo. Lo spot e’ lo stesso. Lei con l'agitasiun, poi usa la pozione magica, e alla fine balla la lambada e si capisce che la Jole non e’ piu’ un problema ma torna a essere una risorsa. Pero’ c’e’ una piccola novita’. Che lo spot e’ lo stesso ma compare sullo schermo una pecetta in diagonale che dice: NON BERE. E un'altra con su scritto: USO ESTERNO. La riflessione sorge spontanea. Se han dovuto aggiungere la scritta «Non bere» vorra’ dire che in parecchie se lo son bevuto. Invece di scioglierlo nell'acqua del bide’ si sono tracannate una pinta di Tantum Rose’. Poi sono andata a controllare ed e’ cosi’. Son finite tutte all'ospedale. Capisci? Pensa i discorsi fra amiche… «Lorena? A te ha fatto bene il tantum rosa? ».«Ma guarda ne avro’ bevuto una cisterna…e mi gratto sempre come un gratta e vinci…». Posso fare un appello? Voglio parlare a quelli della Tantum. Ma scusate, amici, dovete proprio fare le bustine uguali a quelle dell'Agruvit e del Fluimucil? E per forza che poi ci dovete scrivere «Non bere»! Vi spiego.. ste donne ormai sono abituate con le medicine. A seconda di come sono confezionate sanno come si usano. Col gel ci si lava le mani, se e’ in tubetto si spalma, e se e’ in bustine si scioglie in acqua e si tracanna. Amici del se tantum mi da’ tantum
Se proprio lo volete fare in polvere, sappiate che ste donne in polvere sono tanto abituate coi detersivi. Fatelo in fustino, difficile che lo bevano. Vien loro spontaneo prenderne un misurino, scioglierlo nel bide’, aggiungere l'ammorbidente e darci un giro di centrifuga… Altrimenti, amici del tantum rosa e tantum verde, fate che inventare un prodotto che vada bene per tutto. Dal mal di gola al prurito, un prodotto che tu lo bevi una volta e sei a posto per ogni orifizio di cui ti ha dotato la natura. E ho anche in mente un’idea per il nome… l’una tantum.

OPERA DEGRADATA – NESSUN DIRITTO
Come da Consulente Legale Informatico dell’Avv. Valentina Freudiani
LUCIANA LITTIZZETTO
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione di togo29 e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono frutto di una ricerca attraverso la rete e/o prelevate da siti all'apparenza di pubblico dominio,ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvedera’ alla loro pronta rimozione
.

Diversamente Giovani

vecchi.gif

Ebbene ci sono, eccoli i diversamente giovani quelli con la sindrome di PeterPan la nostra «gioventu’ anziana». In effetti molti eterni delfini sembrano condividere il destino di Carlo d’Inghilterra, invecchiato in sala d’attesa, o quello di certi «enfant prodige» che col tempo smarriscono il «prodige» e si tengono solo l’«enfant». Se pero’ oggi persino un settantenne puo’ sembrare un giovanotto arrembante e’ perche’ i «diversamente giovani» non mollano la presa e pensare che non molti anni fa i quaranta- cinquantenni erano rottamati o riciclati in mestieri tipo nonno a tempo pieno con annesso nipote e/o cagnolino, giornale, con la prospettiva discussionale a base di colesterolo, trigliceridi esami vari clinici e iter pensione sempre bloccata...
Il problema e’ che in Italia il narcisismo sta diventando una malattia senile. Altrove e mi riferisco extra italy il capo di un partito (banca,ufficio, ospedale, universita’) si congeda dal palcoscenico e scivola con tutti gli onori dietro le quinte o nella buca del suggeritore. Qui invece il diversamente giovane, rimane aggrappato al proscenio con le unghie e coi denti, se e’ il caso anche con la dentiera. Gli incarichi consultivi, prerogativa sacrosanta dei vecchi saggi, lo deprimono molto assai. Lui il D.G vuole esserci, apparire, contare. E cosi’ innesca l’effetto-tappo.. poiche’ si rifiuta di scendere dal Treno della Vita, chi gli sta dietro non riesce ad avanzare e quelli ancora piu’ dietro neppure a salire. Deve aver confuso il prolungamento della vita con quello della poltrona. Forse perche’ per lui solo la poltrona e’ vita. O pirla scendi da sto treno del cazzo e guardati allo specchio.. ormai sei quello che tu una volta definivi matusa rimbambito, largo ai giovani e vai sulla tua panchina col giornale a leggerti gli esiti dell’Igmk del colesterolo e dei trigliceridi.
vecchi_giovani.gif

Sapete che sono i QR Code?

I QR Code sono quei particolari simboli quadrati che cucchi su siti Internet e giornali che, se fotografati con la fotocamera del cellulare, permettono di accedere a siti Internet, informazioni e video online.
Quindi perche' non farvene uno tutto per voi? Dai seguite i vari link e cerchiamone uno figo e soprattutto in italianesco dimodoche' cani e porci possono capire qualcosa, ad es uQR.me e' un servizio online completamente gratisse e italianizzato  che permette di creare un QR Code contenente un biglietto da visita virtuale, un video di YouTube o qualsiasi altra informazione in maniera facile e veloce senza avere particolari conoscenze avanzate da parte di chi li crea. Ecco come funge..
qr-code-read-on-cellphone.jpg









Prima cosa collegati al sito Internet uQR.me e clicca sul pulsante arancione CREA LA TUA VIRTUAL ID ADESSO per creare un account gratuito. Nella pagina che si apre, compila il modulo che ti viene proposto con i tuoi dati personali (nome utente, e-mail, numero di scarpa e password), digita il codice di conferma nel campo Scrivi le parole separate da uno spazio e clicca sul pulsante CREA LA TUA VIRTUAL ID ADESSO per inviare la tua richiesta d’iscrizione.
Adesso, entra nella casella di posta elettronica che hai dato, apri il messaggio ricevuto da uQR.me e clicca sul link di conferma per completare la creazione del tuo account gratuito sul sito.
Per iniziare a creare un QR Code con uQR.me, fai click prima sulla voce Virtual ID in alto a destra e poi su Cambia il mio QRlink. Nella pagina che si apre, utilizza i pulsanti in alto per scegliere il contenuto che vuoi inserire nel tuo QR code (in ordine: documento di testo, biglietto da visita virtuale, video di YouTube, collegamento a una pagina Web, file, pulsante “Mi piace” di Facebook), compila di conseguenza il modulo sottostante e clicca sul pulsante SALVA per salvare il tuo codice.
Ad operazione completata, clicca prima sul collegamento Scarica il mio QR (in alto) e poi sul pulsante JPG (per Web/cellulari) o sul pulsante PDF (per un codice universale da usare in qualsiasi circostanza) per scaricare il tuo QR Code sul PC. Se desideri condividere il tuo QR Code su siti Internet e blog, clicca sul pulsante arancione GET EMBED CODE e utilizza il codice che compare.
Ricorda che puoi modificare il contenuto del tuo codice QR in qualsiasi momento. Basta che ti colleghi al tuo profilo su uQR.me e clicchi sul collegamento Cambia il mio QRlink. Ora che hai creato un QR Code fallo fotografare dai tuoi amici.

martedì 5 aprile 2011

Inserire Password nel BIOS

Ecco come impostare una password di sicurezza nel BIOS.
Con l'inserimento di questo codice, appena accenderete il PC il sistema operativo chiedera' la password per poter entrare.
Per impostarla, dopo aver acceso il PC, premete il tasto "Canc" oppure "F2" ripetutamente, per entrare nel BIOS.
Indi, passate alle impostazioni della password, cliccate su "Invio" e digitate la password che volete impostare.
Una volta confermata la password, cliccate su "F10", poi su "Yes" e premete "Invio".
Da questo momento, la password del BIOS del vostro PC sara' impostata.
BIOS

venerdì 1 aprile 2011

Odissea all'alba.


Basta. Mi sono veramente scassato i pendenti. Adesso me ne vado con la Ventura sull’Isola dei famosi. Me ne sto li’ a spaccare i cocchi a testate, a spulciare babbuini e a pescare saraghi a mani nude. Mi faccio sganciare dall'elicottero come una bomba. Oppure potrei farmi scagliare su Tripoli, cosi’ Gheddafi si arrenderebbe in dieci secondi. A proposito di quel pirla li. La guerra purtroppo continua e lui e’ sempre piu’ incazzato come una iena. E adesso ce l'ha a morte con l'Italia sto pirla. D'altronde come dargli torto… voglio dire.. lo vedi dalla faccia, da come si veste, che quell'uomo ha dei problemi. Va bene che sei arabo. Ma gli arabi non vanno mica tutti in giro vestiti da budini alla nocciola? Coi capelli alla Marzullo e gli occhiali 3 D? Sembra che di notte dorma in tenda e il mattino si alzi senza uscire. Con la tenda che gli fa da vestito. Allora.. mettiti tu al posto di Gheddafi. Se uno gia’ e’ border line di natura, avere a che fare con l'Italia non aiuta neh. Prima gli baciamo la mano e dopo tre mesi lo centriamo con un siluro. Prima …no, non gli telefono per non disturbarlo.., poi improvvisamente patapam giu’ con le bombe. Adesso Berlu dice che e’ addolorato per lui, intanto gli mandiamo la portaerei Garibaldi eheh. Allora andiamo avanti cosi’? Domani gli mandiamo un mazzo di tulipani e un raudo, dopodomani vanno in delegazione La Russa e Frattini per far pace, poi come lui si gira provano ad infilargli un patriot senza vasellina dove non batte il sole. Gia’ questo qua proprio tanto a posto non e’, con un anda e rianda cosi’ lo confondi… La cosa che ho notato e’ che in tutto questo casino Berlu non si e’ praticamente fatto vedere… Un mese fa, solo per dire che a lui la gnocca non interessa, ha fatto un videomessaggio a reti unificate, adesso che c'e’ il Mediterraneo caldo come la polenta concia, tutti sparano missili, siluri, patriot e compagnia cantante… sparito. Anzi. Fa lo spot per il turismo. Ma… e’ il momento? Con ventimila arabi di tutte le razze che arrivano in barca e sul canotto, di decantare le bellezze paesaggistiche dell'Italia? Centrali nucleari che saltano, maremoti, carri armati, pozzi di petrolio in fiamme… e lui, con la voce delle televendite di Mediashopping…Lo sapevate che in Italia ci sono 250.000 musei?... Ma… Silvioide? Non adesso per cortesia… ma accendi la televisione, guarda che cazzo sta succedendo… Musei dopo, Silvio? Prima vediamo se possiamo evitare di respirare lu ranio e di farci saltare per aria dai li bici, poi si’. Poi tutti i minchia di musei che vuoi. Anche quello dei barattolini vuoti di Actimel….


Ancora una cosetta. Vogliamo parlare del nome della missione di guerra? L'hanno chiamata ..Odissea all'alba… e sai quando e’ cominciata? Alle cinque del pomeriggio. No, proprio per dire i nomi dati a cacchio… Dicono che sara’ una guerra lampo e poi la chiamano Odissea? Ma chiamala una botta e via, i tre giorni del condor, toccata e fuga… L’Odissea solo la versione economica sono seicento pagine… Che poi hai letto perche’ l'hanno chiamata Odissea? Hanno chiesto a ’sto colonnello responsabile della missione e sto pirla ha risposto…Cercavamo un nome che cominciasse per O per ragioni di protocollo…. e cosi’ abbiamo scelto Odissea all'alba... Ma capisci? Potevano chiamarla anche Orangotango… Orgasmo di mezzanotte, Ossessione del cetriolo,Odore di piedi.
Capisci in che mani siamo?

OPERA DEGRADATA – NESSUN DIRITTO
Come da Consulente Legale Informatico dell’Avv. Valentina Freudiani
LUCIANA LITTIZZETTO
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione di togo29 e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono frutto di una ricerca attraverso la rete e/o prelevate da siti all'apparenza di pubblico dominio,ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvedera’ alla loro pronta rimozione.